1. Home
  2. |
  3. Concerti
  4. |
  5. Fabien Thouand presenta il nuovo concerto...

Fabien Thouand presenta il nuovo concerto dell’Ensemble fiati

da | Feb 8, 2024 | LEGGI, Concerti

La musica da camera per ensemble di fiati si avvale di un ricco repertorio, che spazia dall’Ottocento fino alla contemporaneità. In special modo la formazione del “Nonetto”, ossia un organico strumentale costituito dall’ottetto per fiati (2 oboi, 2 clarinetti, 2 corni e 2 fagotti), al quale viene aggiunto un flauto. Certamente per gli strumenti a fiato in tale contesto si incontrano difficoltà tecniche del tutto particolari, legate al trattamento solistico, che spesso superano dal punto di vista virtuosistico quegli stessi “assoli” di fiati presenti nella letteratura sinfonica. L’ambito cameristico, tuttavia, offre la possibilità di creare una maggiore coesione timbrica, in virtù dello stesso amalgama e delle stesse caratteristiche tecniche dei nove strumenti.

La scelta del programma, sulla base di tali considerazioni, è risultata aderente alle finalità che ho pensato di conseguire.
Il brano più conosciuto è naturalmente la “Petite Symphonie” di Charles Gounod. Venne composta nel 1885 dall’autore del celebre “Faust”, il quale si cimenta in un brano piacevole e scorrevole, che esalta la sua inconfondibile vena melodica, pur se la tecnica contrappuntistica spesso prevale nella stessa elaborazione dei temi. In tale ambito, l’Andante cantabile rivela una intensa melodicità, che esalta la cantabilità del flauto, abilmente fuso con i disegni più organici e armonici dell’ottetto. Gaiezza e fluidità, di contro, sia nello “Scherzo” sia nel travolgente “Finale”.

Di notevole interesse la “Petite Suite Gauloise” di Louis Théodore Gouvy, un compositore dell’Ottocento, nativo – come me – della Lorena e autore di copiosa musica sinfonica, cameristica, vocale e teatrale. Il brano, scritto nel 1898, già nel primo movimento (Introduction et Menuet) mostra delle gradevoli e, per taluni versi, ardite combinazioni strumentali, armonicamente avanzate, mentre nel secondo (Aubade) la cantabilità si snoda attraverso liriche atmosfere, esaltate da una costante fusione timbrica. Particolare il terzo movimento (Ronde de nuit), immerso quasi in un contorno fiabesco, con vaghe reminiscenze da Mendelssohn e Liszt. Gaio e quasi festoso il quarto (Tambourin), grazie a uno spigliato tematismo di facile assimilazione. In definitiva, si tratta di un autore forse da riscoprire e apprezzare per la freschezza dell’invenzione tematica e per l’uso di una solida tecnica compositiva.

Infine, un brano contemporaneo, la “Symphonette” di Allan Stephenson, composta nel 2011. Si pensa, generalmente, che i compositori del nostro tempo debbano solo sperimentare nuove sonorità e linguaggi sempre più astrusi e incomprensibili: Stephenson non teme il passato tonale della musica, anzi se ne serve con estremo coraggio per esprimere nuovi tematismi, seppur inseriti in un contesto armonico cangiante e di grande efficacia. Così i quattro movimenti, elaborati secondo lo schema classico (Moderato-Allegro, Andante, Scherzo, Tema con variazioni) si susseguono con estrema naturalezza, ma la seppur succinta loro descrizione non ha quasi ragion di essere, poiché il tutto deve essere lasciato alla libera percezione di chi ascolta una nuova opera per la prima volta.

In conclusione, per chi ha il privilegio di suonare e dirigere questa musica, l’importanza risiede principalmente nel desiderio e nella speranza di cimentarsi con qualcosa di nuovo, forse di innovativo: un solista e uno strumentista come me comprende a pieno l’importanza di un simile e felice progetto, che espande ed esalta la musicalità che può e deve esprimere.

Ensemble fiati del Conservatorio della Svizzera italiana
Conservatorio della Svizzera italiana, Aula Magna
23 febbraio 2024 ore 20:00

Musiche di Louis Gouvy, Allan Stephenson e Charles Gounod
Fabien Thouand direzione

Ingresso libero

SUM | Ensemble fiati

Ti potrebbe anche interessare

Di latte, lacrime e ricordi. Intervista a Nora Doallo

Di latte, lacrime e ricordi. Intervista a Nora Doallo

Nora Doallo va di fretta. Di fretta lei e i suoi pensieri. Quando guarda un punto sul tavolo dopo una domanda, scava dentro ai suoi ricordi. Scuote la testa, alza una mano per un gesto che spiega l’invasione di immagini e pensieri nella sua mente. Fa ordine e poi mi...


Ricerca


Categorie


Vignetta del mese


Playlist del mese

  • Playlist del mese

    Jörg Zatachetto

    Responsabile Amministrativo
    M. von Milland, Matatz, Eisack (2023)
    F. De André, Canzone del maggio – Liberamente tratta da un canto del maggio francese 1968, Storia di un impiegato (1973)
    E. Clapton, Crossroads – Live at the Royal Albert Hall, Rock Version, The Definitive 24 Nights Live (2023)
    U2, Silver And Gold – Live – Rattle & Hum Version, Rattle & Hum (1988)
    Dire Straits, Sultans Of Swing, Dire Straits (1978)
    AC/DC, It’s a Long Way to the Top (If You Wanna Rock’N’Roll), High Voltage, (1976)
    Queen, Bohemian Rhapsody, A Night at the Opera (2011 Remaster) (1975)
    W. A. Mozart, Piano Sonata No.2 in F Major, K. 280: III. Presto - Live, Grigory Sokolov
    G. Puccini, Madama Butterfly, Act 2: “Un bel dì vedremo” (Butterfly), M. Callas, H.von Karajan, Orchestra del Teatro alla Scala, Warner Classics (1955)
    J. S. Bach, Cello Suite No.1 in G Major, BWV 1007: I. Prélude, Yo-Yo Ma, Bach: Cello Suites Nos. 1, 5 & 6 (1983)

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in programma.