1. Home
  2. |
  3. Progetti
  4. |
  5. Perché un Festival? Editoriale di Alexandra...

Perché un Festival? Editoriale di Alexandra Rossini

da | Feb 9, 2023 | LEGGI, Progetti

Il Conservatorio della Svizzera italiana propone ogni anno più di 200 eventi tra concerti e saggi che abbracciano una grande varietà di generi musicali e che vedono alternarsi sul palco solisti, ensemble, cori, orchestre e formazioni di musica da camera, allievi alle prime armi e studenti universitari, docenti e musicisti di fama internazionale.
Eventi che animano le aule delle nostre sedi (Lugano, Bellinzona, Locarno, Mendrisio, Pura) ma anche quelle delle scuole dell’obbligo, le chiese e gli oratori, le case anziani, i teatri e le sale da concerto presenti sul nostro territorio. Tra questi in particolare l’Auditorio Stelio Molo e la Sala Teatro del LAC.
Un numero impressionante di produzioni che fa parte del percorso formativo e del bagaglio musicale individuale di ogni allievo e studente della nostra Scuola e che coinvolge sul nostro territorio un pubblico molto vasto ed eterogeneo.

Ci si potrebbe quindi chiedere se un Festival fosse davvero necessario. E verrebbe da rispondere di no, se immaginato come una carrellata di concerti. Ma il Festival è molto di più. Il Festival ha un altro scopo ed è quello di raccontare la Scuola in un modo nuovo e diverso.
L’idea di un Festival che si sviluppa su diverse giornate proponendo non solo concerti, ma anche conferenze, presentazioni e tavole rotonde, e quindi momenti di riflessione e condivisione, scaturisce dall’intuizione che la Scuola debba essere un sistema aperto che promuove la partecipazione accogliendo domande, idee e suggestioni.
E così, per una settimana, la Scuola diventa strade e piazze animate, luoghi d’incontro, di scambio di idee e di interazione, spazio di dialogo e di confronto costruttivo, rompendo i confini e creando un sistema fluido tra interno ed esterno.

 

Conservatorio in Festival, “Carta Bianca” (2022)

Due grandi appuntamenti musicali che hanno come protagonisti l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio e l’Ensemble 900presente fanno da cornice maestosa e raffinata a uno spazio di condivisione e sperimentazione artistica capitanata dagli attori principali della Scuola: allievi, studenti e docenti.
Nascono così i progetti “Maestri&Allievi” del Pre-College, dove docenti e studenti salgono insieme sullo stesso palco divenendo protagonisti in egual misura dello stesso concerto; “Carta Bianca”, uno spazio creativo libero affidato all’Associazione Studenti nel quale il pubblico diventa parte attiva di un’esperienza immersiva nel mondo della Scuola universitaria di musica; “Consolator Optime” che vede la partecipazione di studenti e alumni del MAS in Canto gregoriano, paleografia e semiologia.
Un processo di interazione creativo che trova il suo apice nell’intensa e briosa “Maratona musicale” del sabato (11 febbraio 2023) dove il pubblico potrà girare liberamente tra le aule del pianterreno e partecipare attivamente a diverse delle attività proposte.

La replica del “Gala della Scuola di Musica” nella Hall del LAC, luogo di incontro per antonomasia nel cuore del tempio della cultura cittadina, coglie lo spirito profondo del Festival gettando le basi per una sua attenta rilettura e costituendo quindi una traccia importante per le edizioni future.

Orchestra Sinfonica | Conservatorio in Festival | Associazione Studenti | Pre-College | Scuola di Musica | 900presente

Ti potrebbe anche interessare

Raccontare una Scuola. Editoriale di Chiara Tinonin

Raccontare una Scuola. Editoriale di Chiara Tinonin

Nelle prossime settimane si concluderà la programmazione dell’anno scolastico e accademico e con essa sospenderà per la pausa estiva anche il CSI Magazine. Per il secondo anno consecutivo questa pagina ha accompagnato, con una periodicità mensile, tutte le diverse...

I Superpoteri della Musica. Il commento di Angela Greco

I Superpoteri della Musica. Il commento di Angela Greco

Lo scorso 12 aprile si è tenuto presso la Scuola di Musica del CSI, l'evento  “I Superpoteri della Musica”. Un appuntamento che ha coinvolto scienziati e musicisti, per presentare gli impatti sociali della musica e dell’educazione musicale ai rappresentanti della...


Ricerca


Categorie


Vignetta del mese


Playlist del mese

  • Playlist

    Alessandra Filippi

    Segretaria di Direzione SMUS
    H. Villa Lobos, Bachianas Brasileiras nr. 5 W389, M. Tilson Thomas, Renée Fleming, New World Symphony (1996)
    Sting, My one and only love, A touch of jazz, R&UT (2020)
    Sandy Müller, Rosa Morena, Falsa Rosa, ODd Times Records (2010)
    Antonio Carlos Jobim, Desafinado, João Gilberto, Jobim Music (1959)
    Claude Debussy, Claire de lune, Moura Lympany, Angel Records (1995)
    Ottorino Respighi, Feste romane, John Neschling, OSESP, BIS (2010)
    Margaritena, Innocente carreno, G. Dudamel, Simon Bolivar Symphony, Deutsche Grammophon (2008)
    John Adams, Lollapaloosa, Michael Tilson Thomas, New world symphony, BMG Music (1998)
    John Legend, I do, Bigger Love, Columbia Records (2020)
    E. De Curtis, Torna a Surriento, Luciano Pavarotti, Royal Philharmonic Orchestra, Kurt Herbert Adler, Gala Concert, Royal Albert Hall, Decca (1982)

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in programma.